Argomenti

    Lunedì, 06 Luglio 2020 11:55

    Maltempo: danni in Puglia e Basilicata

    Lo scorso weekend il maltempo è tornato a colpire l’Italia, si sono registrate alluvioni, grandinate e trombe d’aria. La ricognizione dei danni nei campi è ancora tutta da vedere, ma lo scenario non fa ben sperare.

    In Puglia, in particolare, la grandine ha “mitragliato” ogni tipo di coltura, compromettendo irrimediabilmente i raccolti.

     

    Ad essere fortemente danneggiati sono stati gli agrumeti (arance, limoni e clementine), i mandorleti e gli impianti di kaki. Le segnalazioni raccolte mostrano frutti a terra, rami spezzati e piante abbattute dal vento.In Basilicata la zona maggiormente colpita da una forte tromba d’aria è stata quella della collina materana, dove si registrano perdite intorno al 40-60% della produzione per oliveti, vigneti, colture orticole e frutteti.

    Fonte: CIA - Agricoltori Italiani Puglia

    Produttori e associazioni di categoria auspicano un rapido intervento da parte dei comuni affinché si possa valutare la possibile dichiarazione dello stato di calamità naturale: “Ci sono arrivate decine di segnalazioni, con video e fotografie, da più parti della Puglia”, ha spiegato Raffaele Carrabba, presidente regionale di CIA Agricoltori Italiani della Puglia.

     

    Carrabba continua: “Danni rilevanti anche nel Sud-Est barese, dove gli uliveti sono stati colpiti molto duramente. Particolarmente pesante la situazione anche nel tarantino, specialmente nelle contrade rurali attorno a Massafra. In provincia di Taranto, colpite anche le zone di Castellaneta, Martina Franca e diverse zone rurali fra costa ed entroterra. Nell’area di Castellaneta si è verificata anche una tromba d’aria, le raffiche di vento hanno spezzato gli alberi e piegato le piantine dei giovani impianti".

    Fonte: CIA - Agricoltori Italiani Puglia

    Il bilancio è ancora provvisorio e tutto è ancora da valutare nel dettaglio. "Negli ultimi mesi, stiamo rilevando una media di un episodio calamitoso ogni 20 giorni - conclude Raffaele Carrabba -. Dal 2013, l’anno in cui la Xylella si è abbattuta come una piaga sull’olivicoltura del Salento, gli agricoltori stanno vivendo 7 anni di disastri. Il problema, lo sappiamo, è quello drammatico dei cambiamenti climatici in atto, ma è anche vero che nessun provvedimento strutturale è stato assunto dai governi che si sono succeduti negli ultimi 10 anni per intervenire soprattutto sul sistema delle assicurazioni.

     

    Noi lo diciamo da almeno due lustri: occorre ampliare la possibilità di assicurarsi contro le calamità, è necessario rendere più sostenibili e accessibili le polizze anche alle piccole e medie imprese del comparto primario. Oggi è accaduto di nuovo: decine di agricoltori hanno visto azzerare i propri sacrifici nel giro di mezz’ora. I fenomeni climatici estremi, quest’anno, hanno già colpito tutte le 6 province pugliesi".

    © Fruit Communication Srl.
    Tutti i diritti riservati.

    Iscrizione al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n° 723/12 del 22/03/12
    Fruit Communication Srl | Sede legale Via Noicàttaro nc - Rutigliano (BA) | Partita IVA 07969090724
    Alcuni contenuti pubblicati possono essere rielaborati da feed rss forniti pubblicamente da altri siti. Alcune foto potrebbero essere prese dal web e ritenute di dominio pubblico. I proprietari contrari alla pubblicazione possono contattare la redazione scrivendo a info@fruitjournal.com e chiederne la rimozione.

    Cerca