fbpx

    Colture

    Venerdì, 28 Maggio 2021 08:43

    Tignola dell’olivo: ciclo biologico, abitudini alimentari e strategie di lotta

    Tignola dell’olivo: con l’agronomo Thomas Vatrano approfondiamo ciclo biologico, abitudini alimentari e strategie di lotta del microlepidottero che può attaccare foglie e frutti dell’olivo.

    La tignola dell’olivo, Prays oleae (Bernard) (Lepidoptera: Pyralidae), (in inglese olive moth), compie 3 generazioni all’anno (antofaga, carpofaga e fillofaga).
    L’adulto ha un’apertura alare di 13-14 mm. Le ali anteriori sono principalmente grigie con lievi tracce argentee e macchiate di nero.
    Le uova ha le dimensioni di 0.5 x 0.4 mm, biancastre all’inizio e successivamente si imbruniscono fino al bruno.
    Le larve arrivano fino a 8 mm di lunghezza, il corpo è principalmente verde chiaro, dorsalmente rosso-bruno e con un paio di line subdorsali irregolari marroni o rosso-marroni.
    La parte protoracica è verde chiaro, marcata rosso-bruno. La pupa è lunga 6 mm, dal giallo-bruno al marrone scuro.
    Le larve si nutrono su differenti organi dell’olivo. Le uova della generazione antofaga sono poste sulle gemme a fiore, e dopo la schiusa, le larve si nutrono dei fiori.
    Il volo degli adulti si verifica a fine primavera, deponendo le uova sui calici dei fiori e le larve della generazione carpofaga, penetrano nell’endocarpo e si nutrono del seme.

    -
    A
    lla fine dell’estate e a inizio autunno, gli adulti fuoriescono e depongono le uova sulle foglie (generazione fillofaga).

    Le larve di quest’ultima generazione scavano delle gallerie e si nutrono delle foglie (foto 2), dove svernano fino a inizio primavera.
    La popolazione dell’insetto può variare significativamente, governata da una combinazione di fattori tra cui: condizioni climatiche, pratiche colturali, tolleranza della cultivar e attività dei nemici naturali.


    La temperatura ambientale esercita una maggiore influenza sul potenziale riproduttivo dell’insetto, in particolare attraverso i suoi effetti sul numero delle uova deposte. Temperature sopra i 30°C insieme a una bassa umidità relativa (< 50%) possono uccidere sia le uova che le nuove larve della generazione carpofaga.
    Il complesso dei parassitoidi, che include circa 40 specie parassitizzanti principalmente larve e pupe della generazione antofaga, può causare fino al 60% della mortalità (Arambourg and Pralavorio, 1986). Le specie più importanti sono i parassitoidi delle uova appartenenti al genere Trichogramma e i parassitoidi delle uova/larve Ageniaspis fuscicollis (Dalman) (Encyrtidae) e Chelonus eleaphilus Silvestri (Braconidae).

    Le uova della generazione carpofaga sono predate da diversi antocoridi, miridi e crisopidi, tra cui il maggiore rappresentante e Chrysoperla carnea (Stephens).
    Di recente sono stati rinvenuti in modo massiccio negli uliveti diverse specie di formiche e acari nel depredare stadi pre-immaginali di lepidotteri.
    Della terza generazione, solo gli individui che si sono sviluppati su fiori e frutti possono causare perdite economiche. Generalmente, la generazione antofaga non è pericolosa per le varietà che producono grandi quantità di fiori e hanno una bassa percentuale di allegagione.

    -
    In Italia sono pericolose le infestazioni che eccedono il 40% dei fiori nelle cv. da olio e il 10% nelle olive da tavola, mentre in Portogallo, le soglie economiche di danno per cultivar a frutto piccolo sono 4-6% in anni di carica (ON year) e 8-11% in annate di bassa resa.

    -
    Le cultivar differiscono fortemente nella loro suscettibilità all’infestazione della generazione carpofaga. Le varietà di olive da tavola con grande pezzatura sono più suscettibili agli attacchi (Vacante V. and Kreiter S. 2018).

    Le abitudini alimentari degli adulti sono poco note e potrebbero essere un fattore determinante per la sua sopravvivenza e riproduzione. Molti adulti di lepidotteri si nutrono del nettare dei fiori, tuttavia essi possono anche nutrirsi di altri liquidi come per esempio le melate.
    Nel lavoro Villa M. et al., (2017) è stato determinato il potenziale cibo della Prays oleae. Le risorse investigate sono state le melate di Saissetia oleae e Euphyllura olivina e diverse specie floricole spontanee: Antemis arvensis L., Andryala integrifolia L., Crepis capillaris (L.) Wallr., Conium maculatum L., Jasione montana L., Malva sylvestris L. e il Trifolium repens L. In Portogallo, luogo dove è stata condotta la ricerca, queste specie fioriscono durante la primavera e sono abbondanti durante la generazione antofaga della tignola. Dai risultati è emerso che, in generale, le melate degli emitteri sono la migliore fonte di cibo, facendo riflettere sull’importanza del controllo di questi insetti quando sono presenti insieme alla tignola.
    Di particolare importanza è risultata la melata della S. oleae, mentre tra i fiori, M. sylvestris ha conferito i migliori parametri di sopravvivenza e riproduzione. C. maculatum ha aumentato la longevità, ma ha interferito con alcuni parametri della riproduzione.
    Alla luce di questi risultati, gli autori suggeriscono che le femmine di P. oleae sono sinoovigeniche, emergendo con nessun uovo maturo e cibo e con riserve per la riproduzione.

    -
    È risaputo che i biofenoli costituiscono le molecole che spesso sono implicate nella difesa delle piante verso i patogeni e associate con la resistenza della pianta all’ospite.

    El Boustani et al. (1998) dimostrò che l’inoculazione su rami di olivo mediante sospensione di conidi di Verticillium dahlia fece modificare i livelli in flavoni e fenoli.
    Queste scoperte suggerirono che il primo passo del meccanismo di difesa all’infezione in piante di olivo è un rapido accumulo dei fenoli nei siti di infezione, portando così a una riduzione o rallentamento della crescita del patogeno.

    Foglie di olivo infette da fumaggine hanno dimostrato la presenza di diversi composti fenolici accumulati (Ilias et al., 2015).
    Zine El Aabidine et al. (2010) dimostrò che la resistenza dell’olivo al cicloconio era correlato a componenti fenoliche multifattoriali, come il tirosolo e i suoi derivati.
    Nel lavoro di Ilias F. (2017) importanti spunti di riflessione sono emersi in merito alla presenza di molecole fenoliche che interferiscono sugli attacchi da parte della P. oleae.
    Nei risultati è emerso che i polifenoli totali erano presenti in piante di olivo attaccate in quantità molto più elevate rispetto alle piante sane e che la rutina ha avuto un ruolo nel meccanismo di difesa verso la P. oleae.

    Il controllo degli attacchi della tignola dell’olivo deve prevedere il monitoraggio dei voli dell’adulto in modo da stabilire la convenienza economica dell’intervento.
    A tal proposito Caponero A. (2015) consiglia il campionamento delle drupe per fissare la soglia di intervento, che sarà del 10-15% per le cultivar da olio e del 2-3% per quelle da mensa. Inoltre, sempre lo stesso autore scrive di intervenire alla fine del picco del volo, prima dell’indurimento del nocciolo e mediante l’utilizzo di esteri fosforici come il fosmet.

    Tra gli altri principi attivi utilizzati nella lotta convenzionale si ricordano la cipermetrina, lambda-cialotrina, esfenvalerate, spiratoram.
    Per quanto riguarda la lotta biologica ci si avvale degli interventi preventivi a base di Bacillus thuringensis var. kurstaki che agiscono per ingestione sulle larve della generazione antofaga.
    -

    Bibliografia

    • Arambourg, Y. and Pralavorio, R. (1986) Yponomeutidae. In: Arambourg, Y. (ed.) Traité d’Entomologie Oléi- cole. Conseil Oléicole International, Madrid, pp. 47–70.
    • Caponero A. 2015. Olivo, il controllo della tignola. Terra e Vita
    • El Boustani, El, C. Modafar, B. Boulouha and M. Serrhini (1998). 2nd International Electric Conference of Synthetic Organic Chemistry, personal communication.
    • Ilias, F., S. Bensehaila, K. Medjdoub, I. El Haci and N. Gaouar-Benyelles (2015). The role of phenolic compounds in the defense of sooty mold of olive leaves (Olea europea L.). Afr. J. Microbiol. Res., 9 : 1075-1081.
    • Ilias, F., K. Medjdoub and Gaouar N. 2017. Phenolics compounds of olive and olive leaves identified in the resistence to Prays oleae (Bernard). Plant Archives Vol. 17 No. 2, 2017 pp. 1761-1764
    • Vacante V and Kreiter S. 2018. Handbook of Pest Management in Organic Farming. CAB

    -
    A cura di: Thomas Vatrano
    © fruitjournal.com

    -

    © Fruit Communication Srl.
    Tutti i diritti riservati.

    Iscrizione al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n° 723/12 del 22/03/12
    Fruit Communication Srl | Sede legale Via Noicàttaro nc - Rutigliano (BA) | Partita IVA 07969090724
    Alcuni contenuti pubblicati possono essere rielaborati da feed rss forniti pubblicamente da altri siti. Alcune foto potrebbero essere prese dal web e ritenute di dominio pubblico. I proprietari contrari alla pubblicazione possono contattare la redazione scrivendo a info@fruitjournal.com e chiederne la rimozione.

    Cerca